PAOLINO
Dizionario Genovese Agricolo contadino
Diçionâio Zeneize Agricolo contadìn


Risultato ricerca:
187 parole tradotte nella categoria Attrezzi (attr)

accetta (attr.) = ascétta
piccola scure da adoperarsi con una mano sola, adoperato dai legnaioli nel taglio della legna e dai bottai; piccozzino

albio per maiali (attr.) = àrgio
vaso dentro cui si mette il mangiare e il bere per i maiali; anche trogolo, vasca

annaffiatoio (attr.) = stagnón, rigadêa, giardinêa
pigna = cipolla coi buchi, posta sulla canna dell'annaffiatoio, per bagnare a pioggia


aratro (attr.) = arâtro, aò
arcile (attr.) = bancâ
cassa grossa dove i contadini ripongono castagne, fichi secchi, patate, farina

badile (attr.) = boéi, badî
pala di ferro con lungo manico di legno, per cavare la terra

badile /2 (attr.) = bidàn
Badile, scalpello grosso e tagliato obliquamente (augnato) ad uso d'incavare il legno che si vuol calettare

barattolo (attr.) = arbanèlla, brunîa, tarétto
battifalce (attr.) = martelêa, màrcia
piccola incudine usata per affilare la falce: veniva infissa al suolo o su un ceppo, si batteva con un martello il "filo" della lama della falce sul bordo dell’incudine per assottigliarla, poi si affilava con la cote; i "riccioli" laterali servivano affinché non sprofondasse nel terreno


beccastrino (attr.) = sapón
zappa lunga e stretta per cavare sassi

bidente (attr.) = bagàggio, borchìn, sàppa a borchi
specie di zappa a due denti. bórco (biforcuto)


bigoncia (attr.) = gòuso, sébbro, segión
vaso di legno senza coperchio (capacità di ca. 50 litri), composto di doghe, si usa per raccogliere e pestare l'uva durante la vendemmia

bilancia (attr.) = bànsa; plur. bànçe
bànsa da man (stadera); portâ da bànsa (portata della stadera: maggior quantità di peso che può indicare); asta da bànsa da man (stilo, quel lungo braccio della stadera su cui sono segnate le tacche del peso); gròsso da bànsa (portata maggiore, lato grosso: quel lato le cui tacche [crénn-a] indicano pesi di una maggiore denominazione)

braciere (attr.) = braxêa (sf)
Recipiente metallico o di terracotta, in cui si tiene la brace accesa, per riscaldare un ambiente

brocca di rame (attr.) = stagnón
broncone (attr.) = caràssa
palo per sostenere le piante di vite

calderotto (attr.) = bolàcco
vaso cilindrico di metallo, con manico di ferro arcato girevole, di forma uguale al laveggio; vaso di rame con manico o senza, ugualmente girevole, largo nel fondo e stretto alla bocca, all'interno del quale i lattai mettono il latte per portarlo in città

campanaccio (attr.) = sunàggio, bolàcco
sorta di campanello fatto di lama di ferro che si mette al collo della bestia che guida il gregge

campanello (attr.) = sunagìn
s. da chén (bubboli, sonaglietti tondi che si mettono al collare dei cani); s. da mû, âxi (campanelli di bronzo che si mettono al collo degli animali da fatica)

cantabruna (attr.) = cantabrùnn-a
Cannula da travaso o cantabrina, si usa durante il processo di travaso del vino nell'imbottigliamento casalingo, anche per olio e benzina. Secondo il diz. Casaccia: tubo ricurvo col quale, mediante l'inspirazione, si fa venire fuori il vino o altro liquore da botte, barile, per raccoglierlo in fiaschi o bottiglie


càntero (attr.) = càntio
Recipiente di forma cilindrica e leggermente conica, usato in passato come orinale. Vedere anche vaso da notte

carrettino (attr.) = caretìn
piccolo carro

carretto (attr.) = carétto
carro piccolo da tirarsi a mano o per trasportare roba o per portar derrate da vendere

carriola (attr.) = carétta a man
 
carro (attr.) = câro
Veicolo a trazione animale o meccanica, costituito da un piano sostenuto da due o quattro ruote, usato per il trasporto di materiali o usi agricoli

cassapanca (attr.) = casciabanca
panca solitamente con spalliera, il cui piano serve di coperchio ad una cassa; contengono masserizie domestiche come scope, spazzole, spolveracci e simili

catena (attr.) = cadénn-a
vedere anche catena da fuoco

catena da fuoco (attr.) = chénn-a do fêugo
quella catena pendente da una spranga di ferro, che più in alto attraversa il camino della cucina, per attaccarvi paiolo, calderone o simile sopra la fiamma

catino (attr.) = baçî, conca
vedere anche conca

cavo (attr.) = câvo, câo
Fune. Câvo di vigna (tralcio, ramo di vite verde con le foglie); câvo de succa (cime di zucca)

cesta (attr.) = còrba
cesta grande; vedere anche corba


cesta di vimini (attr.) = cavàgno
canestro, contenitore di forma varia, a manico arcato in centro per poterlo imbracciare o portare a mano, fatto in vimini o in stecche di castagno o salice, usato per portare i prodotti dell'orto e la frutta


cesta grande (attr.) = cóffa
corbello

cestino (attr.) = çestin
vedere anche cesto

cesto (attr.) = çestin, cavàgno, cavàgna, panê, panêa
canestro fatto con rami di salice intrecciati (salix viminalis) comunemente chiamato vimini; vengono usati anche la canna, l'olivo, la vitalba, ecc.

chiavistello (attr.) = færomòrto, cadenàsso
ferro morto, paletto interno della porta, è orizzontale e blocca un'anta con l'altra.
23 Serratura composta d'un Bastone (a b), il quale si fa scorrere in parecchi Anelli (c, Pasteche rionde) conficcati nell'imposta tirandolo per la maniglia, chiudendolo si fa entrare nella Bocchetta (d, Gaccia) tonda ingessata nel muro. Per la chiusura a chiave, ha un Boncinello (e, Cainàsso) ch'entra nella Ferritoia (Bochetta o Inbocatûa) d'una toppa.
24 Ha un Paletto o asta piatta, che si fa scorrere dentro le Staffe (Pasteche ciàtte)


chiodo (attr.) = ciöo, ciödo, agûo; pl. ciöi, ciödi
chiodo a elle (attr.) = gàngou, cancæto; pl. gàngai
arpioncino di ferro che si conficca nel muro o nel legno, per appendervi qualcosa

cipolla dell'annaffiatoio (attr.) = pìgna do stagnón
palla schiacciata coi buchi posta sulla canna dell'annaffiatoio per bagnare a pioggia; dicesi anche mela o fungo

conca (attr.) = conca
concon (concone, grossa conca). Vaso di terracotta, rame o altra materia, di grande concavità e bocca assai larga, adoperato per molti usi

conca grossa (attr.) = concon
concon da bugâ (conca da bucato, serve per fare il bucato)

corba (attr.) = còrba
Grande cesta di vimini intrecciati o di stecche di legno, con manici a semicerchio posti su due lati, usata dai contadini per trasportare foglie secche, paglia, fieno, patate, ortaggi, frutta. // Unità di misura di capacità. // Modo di dire: grande quantità di cose; Unn-a còrba de pan, de patatte, ecc.; Avéi 'na còrba d'anni (Esser in là con gli anni, vecchio). Vedere anche cesta

corbello (attr.) = cóffa
canestro, cesto alquanto grande, rotondo di vimini intrecciati, munita di manici, usato spec. per frutta e ortaggi

correggiato (attr.) = verzélla
strumento contadino, fatto di due bastoni legati insieme da una striscia di cuoio o gombina (stralêa) per battere le biade sull’aja; detto così dalla coreggia mobile, che è per lo più una pelle d’anguilla disseccata attaccata alla pertica che va in volta, chiamata vetta o calocchia (trappa) e il maggiore, cioè quello che serve da manico, detto Manfanile (in genovese manoâ o arciòn)

cote (attr.) = coêta, côe
pietra arenaria, di color cenere, con la quale, bagnata d'acqua, si affilano a mano i grossi ferri (accette, falci, pennati, coltelli), fregandone obliquamente la parte tagliente da entrambi i lati. La cote era tenuta nel portacote (coâ). (voce del contado)

crivello (attr.) = crivéllo
cestello, piccolo crivello del tipo comune nella campagna; c. da masachén piccolo staccio, con fondo a rete di fil di ferro, che usano i muratori per separare le pietruzze dalla calce. Vedere anche vaglio

damigiana (attr.) = damixànn-a

falce (attr.) = mesoîa; // scoriàtta (falce da fieno)
falce fienaia (attr.) = scoriàtta, scoriâ

falcetto (attr.) = mesoîétta
falciatrice (attr.) = segheuia
macchina per falciare l'erba

falcino (attr.) = poêa, poæsso
specie di coltello simile al pennato ma senza penna, ad uso di potare le viti o altre piante; potatoio

fazzoletto (attr.) = mandìllo; // m. da groppo (f.da nodo); m. da còllo (f.da collo)
Mandìllo da groppo era uno degli utensili più usati nel passato dai contadini; si trattava di un grande fazzoletto di cotone (cm 80x80 circa) solitamente di colore blu a quadri bianchi, con una cornice rossa posta poco all'interno rispetto ai bordi. Ogni contadino ne possedeva almeno uno. Era utilizzato per contenere la spesa, portare cibo nei campi, andare a funghi, contenere frutta, tegami di torte, focacce, pani da portare al forno per cuocere. I bordi venivano annodati incrociandoli per poterlo agevolmente portare in mano o, con un bastone, sulla spalla


ferraiolo (attr.) = feriölo
mantello ampio e lungo, senza maniche, che si porta fuori di casa in inverno, sopra gli abiti, per difendersi dal freddo

forbici (attr.) = tezoîe; t. co-a mòlla (f.con la molla, tipo quelle da potatura)
forca (attr.) = fórca; f. da fen (pàlmola, forcone)
asta di legno alla cui sommità è fitto un ferro a due-tre o più denti, adoperato dai contadini per ammucchiare il letame o il fieno

forcone (attr.) = forcón, forcafæra; pl. forcoìn
asta alla cui sommità è fitto un ferro a tre o più denti, adoperato dai contadini per ammucchiare il letame o il fieno

fornello (attr.) = fornéllo, fornàcca (cont)
frantoio (attr.) = franzòu
frusta (attr.) = scoriâ
frusta con la quale si frustano i cavalli

fucile (attr.) = sccéuppo
fucile da caccia (attr.) = scciupétta
scciupetâ (fucilata, colpo di fucile)

gabbano (attr.) = cabàn, chìrie
specie di veste (oggi da lavoro) usata da contadini per ripararsi dal freddo o dalla pioggia; soprabito ampio, aperto sul davanti, con maniche e talora con cappuccio.
prov. L'ægoa menûa a l’inganna o vilàn, pâ ch'a no bagne e a ghe passa o cabàn (La pioggia minuta inganna il villano, sembra che non bagni e gli passa il gabbano)

gabbia (attr.) = gàggia; pl. gàgge
bachétti (gretole, vimini o fili di ferro che formano la gabbia); vêzi (posatoi o saltatoi: bacchette orizz. dove si posano gli uccelli); cantiêta (beccatoio); copetìn (beverino); portelétto (sportello della g.); g. a canpanìn (g. a cupola)

gabbia da fieno (attr.) = gagión
gabbione (attr.) = gagión; pl. gagioìn
grossa gabbia; cestone per l'erba o il fieno

gerla (attr.) = gàggio
cesta in legno, vimini o viburno intrecciati a forma di tronco di cono rovesciato, aperta in alto, usata per trasportare materiali vari

granaio (attr.) = granâ
dove si ripone il grano

granata (attr.) = spasoîa
Scopa fatta con più mazzi di saggina legati insieme all'estremità di un bastone

graticcio (attr.) = græ, gréisio (cont)
solaio di bastoncelli intessuti o di stecche, dove si mettono a seccare le castagne

grattugia (attr.) = gratænn-a, grataìnn-a, gràtoa
greppia (attr.) = gréupia
vedi mangiatoia

imbuto (attr.) = tortaieu, peiéu (S.Vittoria-Sestri L.)
prov. A bocca a l'é o tortaieu do cû (La bocca è l'imbuto del sedere)

innaffiatoio (attr.) = stagnón, rigadêa, giardinêa
pigna = cipolla coi buchi, posta sulla canna dell'annaffiatoio, per bagnare a pioggia


insalatiera (attr.) = insalatêa, grilétto (sm)
latta (attr.) = làmma
lamiera sottile di ferro ricoperta; recipiente fabbricato con tale materiale, a chiusura ermetica, destinato a contenere liquidi

lavatoio (attr.) = tréuggio
trogoli pubblici dove le donne vanno a lavare i panni

laveggio (attr.) = lavézzo
sorta di vaso simile al calderotto (bolàcco) che si usa dai contadini per cuocervi dentro la vivanda invece di pentola, ed ha il manico come il paiuolo

legaccio (attr.) = ligàggia
qualunque cosa con cui si legano balle, fastelli e simili

legaccio /2 (attr.) = ligàmme
quello con cui si legano le calze cingendo la scarpa

levaolio (attr.) = làddra, sciuscétto
per aspirare l’olio da sopra il vino; il primo termine è proposto dal prof. Franco Bampi, il secondo dallo scrittore Gualtiero Schiaffino


lustrino (attr.) = lustrìn
sorta di drappo di seta

madia (attr.) = méizoa, méizia
mobile rustico in legno, costituito essenzialmente da una capace cassa rettangolare a coperchio ribaltabile, destinata spec. alla lavorazione e conservazione del pane casalingo; talvolta, simbolo della casa

mangiatoia (attr.) = gréupia, mangéuia; àrgio (m. per maiali)
foràggio (foraggio, generalmente paglia pàggia o fieno fen)

mattarello (attr.) = canéllo da méizoa
mazzacavallo (attr.) = çighéugna
prov. No me ronpî a çighéugna (Non mi rompere il capo, non mi seccare). Congegno per attingere acqua dai pozzi, costituito da un palo che regge un’asta orizzontale terminante a un’estremità con un secchio e all’altra con un contrappeso

mazzapicchio (attr.) = massabécco
mazzeranga, usato comunemente per assodar la terra nell'alzare argini, fare terrapieni

mola (attr.) = mêua
ruota, cilindro o disco di materia abrasiva usato per affilare lame o lisciare e levigare oggetti metallici

morsa (attr.) = mòrscio, mòrscia
utensile meccanico a vite usato per serrare e trattenere i pezzi in lavorazione, di solito per aggiustaggio, filettatura, segatura, fresatura, ecc. Può essere in acciaio fuso, in ghisa o anche in legno

mortaio (attr.) = mortâ
vaso di legno duro o metallo o marmo, nel quale vengono poste sostanze, che vengono poi triturate dall'azione di un pestello. In Liguria il m. di marmo è tipicamente usato in cucina per fare il pesto

moscaiola (attr.) = moschêa
specie di cassa o armadio pensile, fatta di pezzi di legno squadrati o sagomati, a tenere una rete fitta di fil di ferro, con ripiani all'interno dove riporre carne o affini, per preservarlo dalle mosche

oliera (attr.) = pòrtaêuio
arnese di metallo o cristallo o legno, da tenervi incastrate due ampolle di cristallo, una per l'olio e l'altra per l'aceto, da mettere in tavola per condire insalata o altro

paiolo (attr.) = poieu, paieu
contenitore cilindrico di metallo con manico arcato girevole, strumento usato in cucina per cuocere la polenta o bollire. Lavézzo (laveggio: sorta di vaso simile al calderotto, usato dai contadini per cuocervi dentro la vivanda, ed ha il manico come il paiuolo)


pala (attr.) = pâa
paletta (attr.) = pæta, paæta; paætâ (palettata); // rumentêa (paletta con manico lungo, a cassetta)
rumentæa, rumentêa (pattumiera)

paletto della porta (attr.) = ferogiâ
strumento di ferro che si mette agli usci dalla parte interna, è verticale e serve per bloccare una singola anta, a terra o in alto.
F. co-a tràppa: piccolo catenaccio sottile, con lunga asta di ferro, montato su una cartella fissata verticalmente all'interno dell'uscio, e si fa muovere spingendolo per un pallino in fondo all'asta. Vedere anche chiavistello


palo (attr.) = pâlo; caràssa (per sostenere le viti, broncone); pasción (rotondo e lungo); pâfæro (p.di ferro)
panca (attr.) = bànca
paniera (attr.) = panêa
arnese uguale al paniere, ma di forma bislunga o ovale; panêa do pan (p. del pane, panattiera, usato in mensa per riporre il pane)

paniere (attr.) = panê
vedi cesto

passone (attr.) = pasción
palo rotondo per sostenere la vigna

pastrano (attr.) = baracàn, cabàn, chìrie, redingòtto
soprabito ferraiolo, con bottoni, bavero (tabarìn), maniche e pistagna (colletto); mantello di tessuto grossolano, un tempo indossato dai poveri.
Dall'inglese "rending coat" redingòtto

pennato (attr.) = penàcco; // penacâ (colpo di p.)
coltello piegato a uncino, che serve a potare la vite e tagliare i rami inutili agli alberi; in italiano è chiamato anche ségolo

pergola (attr.) = téupia
la struttura (aperta) che sostiene il pergolato, sopra il quale si manda la vite o altre piante, che costituisce un vano di passaggio ombreggiato

pergolato (attr.) = bersò (p.dei fiori), angiòu (p.dell'uva); téupia (la struttura di pali)
bersò dal francese berceau

pertica (attr.) = pèrtega
il bastone lungo che serve per battere i frutti che hanno mallo o guscio, come noci, mandorle, nocciole, castagne, ecc.

pialla (attr.) = ciùnn-a
pialla grossa (attr.) = ciunàssa
pialla piccola (attr.) = ciunétto
piattaia (attr.) = vascelæa, bascelæa, fascelæa
scanceria o rastrelliera per stoviglie: specie di scaffale, posta sopra il piano di una credenza o appesa a una parete, per tenervi stoviglie, piatti e altro, nella cucina

piccone (attr.) = pìcco, picón, marapìcco, marapìcca (sf)
arnese manuale utilizzato per spezzare i terreni duri e le rocce; costituito da una parte di metallo robusto (acciaio) leggermente ricurvo, terminante con un'estremità a punta e l'altra a taglio, fissata ad un robusto manico in legno (quercia, ciliegio, bosso o gaggia)


piccozza (attr.) = picòssa, picòsso
scure: strumento simile all'accetta, ma più grande, per spaccare legna e ceppi, e per abbattere alberi; viene usata a due mani

piccozzino (attr.) = picossìn
piccola scure da adoperarsi con una mano sola, adoperato dai falegnami, dai tornitori e altri; accetta

pompa (attr.) = pónpa
dell'acqua

portacote (attr.) = coâ
astuccio o corno da cote: corno vaccino che i contadini portavano legato in cintura, dentro cui riponevano al cote (coêta) per affilare la falce, quando andavano a falciare l'erba. (term. contadino)

potatoio (attr.) = poêa, poæsso
specie di coltello simile al pennato ma senza penna, ad uso di potare le viti o altre piante; falcino

ramazza (attr.) = spàggia; pl. spàgge
granata fatta di rami d'albero fronzuti, con cui si spazzano boschi, aie, ecc.

ranfione (attr.) = lensìn
vedi uncino

rastrelliera (attr.) = rastelêa
specie di gabbia, a elementi opportunamente spaziati, posta in sporgenza al disopra della mangiatoia nelle stalle o appoggiata sul terreno negli ovili, in modo da consentire all'animale di strappare il foraggio a piccole boccate

rastrello (attr.) = rastéllo
attrezzo dentato, di ferro o di legno, per raccogliere foglie, erba o fieno

rete (attr.) =
qualunque intrecciatura di fune, di filo di ferro, di rame e simili, usata per riparo o recinzione

richiamo per uccelli (attr.) = peléuia (sf)
piccolo strumento, d'ottone o di latta, della forma di un bottone cavo, piatto da un lato e convesso dall'altro, è tenuto in bocca dai cacciatori per imitare la voce degli uccelli

ritorta (attr.) = tortàgna
ramoscello per legare fascine

roncola (attr.) = penacchétta
è formato da una lama metallica curvata a forma di punto interrogativo, affilata dal lato concavo e munita di impugnatura, usata da agricoltori, boscaioli e giardinieri per tagliare rami di dimensione media o piccola, per tagliare canne, per appuntire i pali, per togliere la corteccia dai rami nella produzione di bastoni, ma utile anche a pulire i tronchi dai rami.

rubinetto (attr.) = bronzìn
cannella dell'acqua, una volta fatto di ottone

ruota (attr.) = rêua; // pl. rêue; roêto (cerchio delle r.); çerción (cerchione);
prov. Con træ rêue o câro o no peu anâ (Con tre ruote il carro non può andare)

sacco (attr.) = sàcco
recipiente di tela cucito ai lati e ad una delle testate


saracco (attr.) = soràcco
sega da falegname a lama larghissima, senza telaio di legno, ma fissata a una piccola impugnatura che serve da manico


saracco a costola (attr.) = pêtenìnn-a
sega a lama larga e sottile, rafforzato sul lato opposto alla dentatura da una lista metallica, in modo da impedire che s'incurvi durante l'uso

scaletta di pietra (attr.) = sapéllo
scaletta di pietra, tra due fasce, o esternamente ad un muro a secco con pietre sporgenti a formare degli scalini

scarponcino (attr.) = scarponcìn
vedere anche scarponcino chiodato

scarponcino chiodato (attr.) = brochìn
scarpe che calzano fin sopra il collo del piede e che si allacciano con cordoncino o stringa

scarpone (attr.) = scarpon
vedere anche scarponcino

schiaccianoci (attr.) = sciacanôxe
attrezzo casalingo usato per rompere il guscio di noci, nocciole, mandorle o altra frutta secca con guscio duro

scopa (attr.) = spasoîa, ræxa (Riomaggiore)
Prov. A spasoîa nêuva a spassa ben tréi giorni (La scopa nuova spazza bene tre giorni). Mazzo di scopa, saggina o simili, legati assieme con manico infilato all'estremità; la granata (s. de parma) si compone di distinti mazzetti (manelle) legati insieme in forma di ventaglio; la scopa de brûgo è formata da Erica scoparia ed è impiegata per spazzare stalle, strade, ecc.


scure (attr.) = picòssa, picòsso
vedi piccozza

seccatoio (attr.) = secaeso, sechêzo
stanza costruita con pietre o mattoni, nelle vicinanze del castagneto, nella quale si fanno seccare col fuoco le castagne, poste sopra un graticcio (græ)

secchia (attr.) = séggia
vaso cupo di rame, ma anche di legno a doghe, usato come contenitore d'acqua o altro liquore. Vale anche per unn-a séggia d'ægoa (una secchiata d'acqua, nel senso di contenuto). Prov. Vegnî zù l'ægoa a ségge (Piovere a secchi, a catinelle, a dirotto)

secchiello (attr.) = segéllo
s. da aleitâ o læte (secchio dentro il quale si raccoglie il latte da mungitura)

secchio (attr.) = ruxentâ, bolàcco
ruxentâ vaso di rame col quale si attinge l'acqua; bolàcco vaso cilindrico di metallo, con manico di ferro arcato girevole (vedere anche calderotto)

secchio da muratore (attr.) = bogeu
chiamato anche bugliolo

secchio per acqua (attr.) = ruxentâ
vaso di rame col quale si attinge l'acqua

secchio per il latte (attr.) = stagnón
recipiente di zinco o latta per trasportare latte o acqua

sega (attr.) = særa
arnese da taglio

sega a mano (attr.) = serétta, soràcco
sega circolare (attr.) = frézza
seghetta (attr.) = serétta
piccola sega a mano

segolo (attr.) = penàcco
vedi pennato

semenzaio (attr.) = pascionêa
dove vengono seminate le piante, che raggiunta una certa grandezza, in seguito verranno trapiantate altrove

serra (attr.) = særa
luogo chiuso con vetri dove si coltivano fiori e piante

setaccio (attr.) = siâso, seâso
vaglio costituito da un recipiente che per fondo ha generalmente un retino metallico, che serve a filtrare materiale avente dimensioni superiori a quelle della maglia


slitta rustica (attr.) = lêza
treggia, veicolo rustico senza ruote strascicato da buoi, fatto per uso di trainare specialmente su luoghi erti


soffietto (attr.) = sciuscétto
Mantice, strumento manuale col quale si genera aria per alimentare il fuoco del camino o della stufa.
Nelle carrozze, e in genere nei veicoli trainati da cavalli, la copertura che si può alzare o abbassare per riparare dal sole o dalla pioggia


sonaglio (attr.) = stracaêlo, sunàggio, sunagìn; // pl. stracaêli
spalliera (attr.) = spalêa
disposizione di piante fruttifere contro i muri degli orti e dei giardini, mediante graticolati o legni incrociati che servono di sostegno alle piante

spaventapasseri (attr.) = spaventàggio
fantoccione di stracci che si mette nei campi per spaventare gli uccelli

spazzola (attr.) = spasétta, spasoiétta
arnese per ripulire dalla polvere i panni, i cappelli, ecc.

sporta (attr.) = spòrta
arnese tessuto di giunchi, paglia o simili, con due manici per uso di trasportare robe per lo più commestibili. Vedere anche sporta da olio

sporta da olio (attr.) = spòrta da êuio
quella gabbia fatta di corde d'erba detta Stramba, intrecciata a maglie a guisa di rete, di forma rotonda, con un buco nel mezzo, di sopra e di sotto


spulatoio (attr.) = vàllo
cestino di vimini di forma circolare, con bordo da una sola parte e due maniglie laterali, fatto apposta per ventilare le castagne secche, dopo che son state battute. Da non confondere con vaglio


stadera (attr.) = cantâ
strumento con cui si pesano diverse cose, sostenendole in bilico con un unico contrappeso, chiamato Romano o Piombino, fatto scorrere a debite distanze lungo lo stile.  Il diz. Casaccia a pag.109 riporta bànsa da man. Vedere anche bilancia


staderone (attr.) = banson
grossa stadera

stivale (attr.) = stivâ; pl. stivæ
mêzi stivæ (stivaletti, stivali che arrivano a mezza gamba)

stoviglie (attr.) = tóndi
anche schéussi vasi di terra per uso di cucina

stufa (attr.) = stîva, stîa, stùffa
tavolo (attr.) = töa, tòua
teleferica (attr.) = strafîa
tino (attr.) = tìnn-a
ampio vaso a doghe, cerchiato di ferro, con un solo fondo uguale o maggiore della bocca; nel tino si pigiano le uve, o vi si mettono pigiate affinché fermentino e diventino mosto

torchio (attr.) = tòrcio
trapano (attr.) = trapàn; // pl. trapoén
trapano manuale o girabacchino= virabrichìn, virabarchìn

trapano da falegname (attr.) = virabrichìn, virabarchìn, girabrichìn
girabacchino, vecchio trapano a mano in legno e ferro o manovella da falegname, veniva usato per effettuare fori all'inizio del '900


trogolo (attr.) = tréuggio
sorta di vasca quadrangolare, fatta solitamente di mattoni, dove si tiene acqua per sciacquarvi erbaggi o altre cose di cucina, e per lavarvi piccoli panni di casa. // Abbeveratoio per animali.

uccelliera (attr.) = öxelêa
gabbia grande per uccelli

uncino (attr.) = lensìn
legno a forma di angolo, di cui un lato è attaccato al paniere e con l'altro si appende agli alberi per riporvi i frutti raccolti; attrezzo per tirare giù i rami. In italiano è anche chiamato ranfione

vaglio (attr.) = çernéggio, crivéllo
largo setaccio con fondo bucherellato, per separare manualmente grano o biade da cattive semenze o altro


vanga (attr.) = vànga
vasellame (attr.) = teràggia
vasi di terra cotta per uso di tavola, di cucina e simili

vaso (attr.) = vâzo
vaso da notte (attr.) = vâzo da néutte, oînâ, loînâ, catùccio
quando nelle case il bagno non c'era o era situato all'esterno, i nostri nonni si servivano di questo comodissimo oggetto per evitare di dover uscire fuori nell'orto, nel freddo della notte


ventilabro (attr.) = vàllo
macchinario per eliminare impurità dal grano (la pula). Vedere anche spulatoio

vivaio (attr.) = pascionêa
terreno dove vengono seminate le piante, che raggiunta una certa grandezza, in seguito verranno trapiantate altrove

zappa (attr.) = sàppa
vedere anche bidente. Prov. Dâse a sàppa in sci pê (Darsi la zappa sui piedi)

zappetta (attr.) = sapétta
zappettina (attr.) = sapetìnn-a
diminutivo di zappetta

zappone (attr.) = sapón
sorta di zappa stretta e grossa, che serve per scavare e lavorare la terra compatta, e anche per cavare sassi

zipolo (attr.) = spinoêlo
zaffo o "zeppiolo", piccolo legnetto col quale si tura la cannella della botte (spinn-a) o d'altro

zucca fiasco (attr.) = chéusso
(Lagenaria vulgaris), zucca a fiasco, zucca da vino, zucca bottiglia, cossa, cusso, cocozza, dai molti usi di terra e di mare, coltivata dai nostri ortolani; per es. veniva usato per separare l'olio dall'acqua (che va a fondo)



 Manca qualcosa? Scrivimi!

< Torna alla Ricerca Torna Su ^

HOMEPAGE     CULTURA e TRADIZIONI     GUESTBOOK

Tutti i diritti riservati - PAOLINO 2019-2021