PAOLINO
Dizionario Genovese Agricolo contadino
Diçionâio Zeneize Agricolo contadìn


Risultato ricerca:
117 parole tradotte che iniziano con f

faggio (bot.) =
Fagus, famiglia delle Fagaceae

fagianella (anim.) = òtardìnn-a
gallina prataiola, uccello non più grosso di un fagiano, ha il becco grigio scuro, molto comune in Sardegna

fagiano (anim.) = faxàn
uccello selvatico, grande poco meno del gallo

fagiolana (bot.) = faxoæla
legume; chiamata anche fagiolo Bianco di Spagna, fagiolo Corona o, a Genova, fagiolo Cappone. Rinomata la fagiolana di Torza (Maissana, Sp), e la fagiolana bianca della Val Borbera, al confine tra le province di Genova e Alessandria

fagiolini (bot.) = faxolìn; f. gancétti (fatti a gancio), f. pelandroìn (piuttosto diritti)
fagiolini in erba


fagiolino (bot.) = faxolìn
vedi fagiolini

fagiolo (bot.) = faxeu; f. balin (tondi bianchi o rossi); f. lumê (borlotto, grigiolati rotondi o bislunghi); f. de l'éuggio néigro (dell'occhio, piccoli bianchi con una macchietta nera); f. da costo (nani); f. da ràmma (rampicanti); f. desteghæ (sgranati); f. sensa fîa (senza filo)
prov. Finn-a Sant'Anna i faxeu montan in sciâ canna, da Sant'Anna in sciù no ghe ne monta ciù (Fino a Sant'Anna [26 luglio] i fagioli s'arrampicano sulla canna, da Sant'Anna in poi non se ne arrampica più). Famiglia delle Leguminose anche detta Fabaceae, originaria dell'America centrale

faina (anim.) = foìn
mammifero

falce (attr.) = mesoîa; // scoriàtta (falce da fieno)
falce fienaia (attr.) = scoriàtta, scoriâ

falcetto (attr.) = mesoîétta
falciare (v.) = segâ
segare l'erba con la falce fienaia

falciata = mesoiâ, scoriatâ
colpo di falce

falciatore = segòu
falciatrice (attr.) = segheuia
macchina per falciare l'erba

falciatura = o segâ
il taglio dell'erba

falcino (attr.) = poêa, poæsso
specie di coltello simile al pennato ma senza penna, ad uso di potare le viti o altre piante; potatoio

fango (ter.) = bràtta, pâtàn
farfalla (anim.) = farfàlla
vedere anche farfallina

farfallina (anim.) = farfalìnn-a, parpelétta
diminutivo di farfalla

farfallone (anim.) = parpagión
con questa parola s'intende tutte le specie di farfalle e falene, purché grandi

farina = fænn-a; fainòtto (venditore di farina, pane, ecc.)
farina di castagna = castagnìnn-a (cont)
Migliaccio, farinata di castagna, cotta in forno come la farinata di ceci, cosparsa d'olio, semi di finocchio e pinoli (pinocchi, semi di pino)

farinata = fainâ
torta salata molto bassa a base di farina di ceci, acqua, olio e sale. La ricetta qui

farro (bot.) = fâro
tipo di frumento coltivato

fascia (ter.) = fàscia; // pl. fasce
piana di terreno seminato, terrazzato

fascina (ter.) = fascìnn-a
fascetto di rami minuti, legati con ritorta (tortàgna), che servono ad avviare il fuoco

fascio (ter.) = fàscio
fascio d'erba segata e legata, di legna, paglia

fattoria = fatorîa, fatóîa
fava (bot.) = bazànn-a, fâva (fresca); // bazànn-e in téiga (f.fresche da sgranare)
Vicia faba, pianta delle Leguminose o Fabaceae; il frutto è un legume allungato

fava greca (bot.) =
vedi bagolaro

fava secca (bot.) = bacìllo (sm); pl. bacìlli
prov. A-i Mòrti, bacilli e stochefisce no gh'é câza chi no i condisce (Ai Morti, fave secche e stoccafisso non c'è casa che non li condisce). Originariamente venivano definiti bacilli, dei piccoli legumi di color beige scuro coltivati in Tunisia e nelle zone antistanti il mediterraneo; il loro gusto ricorda molto una via di mezzo tra le fave (della quale famiglia agraria i bacilli fanno parte) e i ceci.

fazzoletto (attr.) = mandìllo; // m. da groppo (f.da nodo); m. da còllo (f.da collo)
Mandìllo da groppo era uno degli utensili più usati nel passato dai contadini; si trattava di un grande fazzoletto di cotone (cm 80x80 circa) solitamente di colore blu a quadri bianchi, con una cornice rossa posta poco all'interno rispetto ai bordi. Ogni contadino ne possedeva almeno uno. Era utilizzato per contenere la spesa, portare cibo nei campi, andare a funghi, contenere frutta, tegami di torte, focacce, pani da portare al forno per cuocere. I bordi venivano annodati incrociandoli per poterlo agevolmente portare in mano o, con un bastone, sulla spalla


felce (bot.) = frêxa, fexa; freija (val di Vara); èrba serpentìnn-a
pianta crittogama, comune nei boschi ombrosi

fendere (v.) = scciapâ
dividere per il lungo

ferraiolo (attr.) = feriölo
mantello ampio e lungo, senza maniche, che si porta fuori di casa in inverno, sopra gli abiti, per difendersi dal freddo

fertile = fèrtile
fertilizzare (v.) = fertilizâ
rendere fertile un terreno agrario mediante concimazioni; concimare

fichi (bot.) = fîghe (sf)
i frutti del fico

fico (bot.) = fîgo; f. brigiasòtto (f.brogiotto); f. Napolitàn (f.dottato); f. pissalùtto (f.pissaluto); f. arbicon (f.San Piero); f. sciô (f.fiorone)
albero da frutto originario dell'Asia occ. famiglia delle Moraceae, genere Ficus, specie Ficus carica. Varietà liguri: Pissalutto o fico bianco, coltivato nel ponente, allungato, con buccia sottile, verde chiara o nerastra, polpa color rosso vinoso, si presta bene all’essiccamento; Fico Binello da sempre coltivato nelle campagne della Val di Magra e in particolare nel versante a mare

fienile (ter.) = fenêa (sf), cascìnn-a (sf)
fieno (bot.) = fén
erba essiccata

fiera (ter.) = fêa
filare (ter.) = fiâgno; pl. fiâgni
filare di viti (uva) legate insieme con pali e pertiche; pop. andâ pe-i fiâgni (cagare all'aperto)

finferlo (bot.) = galétto
fungo

finocchiaccio (bot.) = fenogæa
Ferula communis, pianta erbacea perenne

finocchio (bot.) = fenóggio; fenóggio âgro (f.agro); fenóggio dôçe (f.dolce)
finocchio marino (bot.) = basìggia, fenóggio marin, rîzo de mâ, èrba sàscio, èrba de San Pié
Crithmum maritimum o spaccasassi o erba di San Pietro

fioraia = fiorìsta, scioêa
scioêa usato anticamente

fioraio = fiorìsta, scioê
scioê usato anticamente

fiordaliso (bot.) = batisêuxoa
fiore (bot.) = sciô (sf), fiôre (it), pl. scioî; sciôa (sf), pl. sciôe (nelle riviere) // êse in sciô (essere in fiore: fiorire); fîghe scioîe (fioroni, fichi fiori); féuggia da sciô (petalo); s. de ròsto (cosa scelta) // pèrde a sciô (sfiorire)
prov. Chi veu pigiâ di frûti no scròlle l'èrbo quand'o l'é in sciô (Chi vuol prendere frutti non scuota l'albero quando è in fiore); Unn-a sciô a no fa mazzo (Un fiore non fa maggio, cioè primavera)

fiore da morto (bot.) = sciô da mòrto, velutìn
fiore del melograno (bot.) = sciô do meigranâ
fiore di ginestra (bot.) = galétto
Il diz. Casaccia riporta galétti da procescion quei fiori gialli odorosi che comunem. si spargono allorché passano le processioni


fiorellino (bot.) = scioetìnn-a (sf)
piccolo fiore

fiorello (bot.) = scioétta (sf)
piccolo fiore

fioretto (bot.) = scioétta (sf)
piccolo fiore

fiori del vino = cànie
fiorire (v.) = scioî, fiorî; // fiorîo (pp)
fiorista = fiorìsta
chi fa o vende fiori artificiali per ornamento o decorazione

fiorito (v.) = scioîo, fiorîo
fischietto per uccelli =
vedi richiamo per uccelli

fiumana = sciumæa, scciumæa
corrente larga e impetuosa di fiume in piena

fiume (ter.) = sciùmme
focolare = fogoâ (cont)
foglia (bot.) = féuggia; pl. féugge // f. da fâ o sétto a-e carêghe (sorta d'erba secca con cui si fa il sedile alle sedie, e si rivestono i fiaschi); f. de granón (f.secca di granturco, con cui una volta si riempivano i materassi); f. de navón (erisimo, erba cornacchia comune)
prov. E giastemme son comme e féugge, che chi e caccia se l'arechéugge (Le bestemmie son come le foglie, chi le butta se le raccoglie); Tremâ comme 'na féuggia (Tremare come una foglia); No se méscia féuggia che Dîo no veugge (Non si muove foglia che Dio non voglia)

fogliame (ter.) = fugiàmme
foglietta = fugétta
fogna (ter.) = chintànn-a, pùrgo
cloaca; qualunque luogo da cui esalano vapori fetenti

fondovalle (ter.) = canâ
fontana (ter.) = fontànn-a; barchî (f.monumentale)
foraggiare (v.) = foragiâ
Rifornire gli animali di foraggio

foraggio = foràggio
sostanza che serve di alimento al bestiame domestico: erba fresca, foglie di alberi e arbusti, fieno, paglia

forasacco (bot.) = pertuzasàcchi, òrzo sarvægo
pianta erbacea delle Graminacee (Poaceae), detta anche orzo dei ratti, produce una spiga in grado d'infilarsi nei tessuti

forbice =
vedi forbici

forbici (attr.) = tezoîe; t. co-a mòlla (f.con la molla, tipo quelle da potatura)
forbicina (anim.) = tezoiétta, tenagétta
Forficula auricularia, forfecchia o tenaglietta, è un insetto onnivoro


forca (attr.) = fórca; f. da fen (pàlmola, forcone)
asta di legno alla cui sommità è fitto un ferro a due-tre o più denti, adoperato dai contadini per ammucchiare il letame o il fieno

forcone (attr.) = forcón, forcafæra; pl. forcoìn
asta alla cui sommità è fitto un ferro a tre o più denti, adoperato dai contadini per ammucchiare il letame o il fieno

forfecchia (anim.) =
vedi forbicina

formaggio = formàggio; // f. grànn-a (f.grana); f. parmixàn (f.parmigiano); f. de pêgoa (f.pecorino); f. piaxentìn (f.piacentino); f. sàrdo (f.sardo); formagétta (formaggetta); formagétta molànn-a (f.fresca e tenera); gorgonzöla (gorgorzola); f. co-o pesîgo (f.pepato); f. co-i grilli (f.coi vermi); grivêa (gruviera); strachin (stracchino); f. gratòu (f.grattugiato)
formica (anim.) = formîgoa, fromîgoa

formicaio = formigoâ
nido di formiche

formichetta (anim.) = formigoìnn-a
piccola formica; formicuccia

formicone (anim.) = formigón
grossa formica dotata di aculeo, scutérzola

fornello (attr.) = fornéllo, fornàcca (cont)
fornello a legna = ronfò
fornello a legna fatto in mattoni, si trovava nelle cucine di una volta

fossato (ter.) = fosòu
Canale di scolo delle acque, lungo i campi o le strade di campagna; piccolo torrente

fragola (bot.) = meréllo; mêlo (pop)
frantoio (attr.) = franzòu
frasca = fràsca
ramoscello fronzuto (con foglie) di alberi da bosco; fronda; ramaglia

frascato = frascâ
quantità di rami con le frasche legati insieme, che in campagna si adoperano per vari usi

frassinella (bot.) = frascinélla
Dictamnus albus, pianta perenne spontanea e aromatica della famiglia delle Rutaceae, così chiamata perché le sue foglie ricordano quelle del frassino; chiamato anche Dittamo, Limonella (le sue foglie, se sfregate, emanano un intenso profumo simile a quello del limone). È medicinale e officinale

frassino (bot.) = fràscio, fràsce
grande albero delle Oleacee, comprende oltre 60 specie; il suo legno è robusto e nello stesso tempo leggero e flessibile, si fabbricano racchette da sci, eliche per aeroplani, utensili per giardinaggio, manici per martelli, strumenti musicali, ecc.

freddo = fréido
Fréido chi scciàppa e prîe (Freddo eccessivo)

frittata = fritâ
vivanda con uova sbattute versata in padella con poco olio o burro, cotta velocemente; può essere con erbe o con prosciutto o mortadella

frittella = frisceu
vivanda a base di farina, con mele o pere affettate, intrise in pasta quasi liquida, fritta in padella con olio

fronda = fràsca
ramoscello con foglie; frasca; ramaglia

frusta (attr.) = scoriâ
frusta con la quale si frustano i cavalli

frustare (v.) = frustâ
frustata (v.) = frustâ; scoriatâ (colpo di falce fienaia)
frutta (bot.) = frûta; // f. into sciöpo (sciroppata); f. into spirito (sotto spirito); f. tempoîa (primaticcia); f. tardîa (tardiva); f. da stæ (estiva); f. d'ötùnno (autunnale); f. bozza o bozùmmi (acerba o immatura); f. staxonâ (stagionata); f. arensenîa, péia (aggrinsita, seccata); f. co-o verme (bacata); f. nissa (ammaccata); f. pàssa (appassita); f. magnuscâ o remenâ (maneggiata); f. sécca (secca); // mondâ a f.(sbucciare); pélle o scòrsa da f.(buccia); sgusciâ o desgusciâ (sgusciare); pórpa (polpa); armélla (seme); rozìggio (torsolo); òsso (nòcciolo)
frutteto (ter.) = frutêto
fruttivendolo = bezagnìn
verduraio

frutto (bot.) = frûto
fucile (attr.) = sccéuppo
fucile da caccia (attr.) = scciupétta
scciupetâ (fucilata, colpo di fucile)

fuliggine = càize
fumare (v.) = fumâ
O camin o fùmma (Il camino fuma)

fumo = fùmme; fumàdda (fumata)
fungaia (bot.) = fonzêa, pipinêa
fungaiolo = fonzòu, pl. fonzoéi, fem. fonzéuia; fonzaieu, pl. funzaieu, fem. fonzaiêua
cercatore di funghi

fungo (bot.) = fónzo; pl. fónzi; // f. néigro (f.nero, porcino); boêuo (f.rosso); galétto (finferlo); galinétta (gallinaccio); combétta (colombina); câsigión (gambo del f.)
fungo sementino (bot.) = sementìn
Agaricus sementinus, nasce a gruppi in alcuni poggi e ciocche d’alberi nel tempo della semina, da cui ha preso il nome. È grato al gusto e all’odorato: rarissime volte è portato sul mercato di Genova

fuoco (ter.) = fêugo
fuscello = stecón
pezzo di ramo sottile, di paglia o simile

 Legenda
   
cont termine contadino
f femminile
it italianismo
m maschile
pp participio passato
pl plurale
pop voce del popolo
sf sostantivo femminile
sm sostantivo maschile
ze genovesismo
 Categorie:
bot botanica
attr attrezzi
anim animali
ter territorio
v verbi
prov proverbi


Funge


< Torna alla Ricerca

HOMEPAGE     CULTURA e TRADIZIONI     GUESTBOOK

Tutti i diritti riservati - PAOLINO 2019