PAOLINO
Dizionario Genovese Agricolo contadino
Diçionâio Zeneize Agricolo contadìn


Risultato ricerca:
66 parole tradotte che iniziano con l

lago (ter.) = lâgo
lampone (bot.) = franboâza
Rubus idaeus, famiglia delle Rosaceae; frutto simile alle more, ma di color rosso-paonazzo. Dal francese framboise

lamponi (bot.) = franboâze
vedi lampone

lappola (bot.) = làppoa
Orlaya grandiflora (Caucalis grandiflora), pianta erbacea che cresce in zone incolte aride e lungo sede stradale, i fiori sono bianchi, i frutti son dotati di piccoli uncini che s'attaccano ai vestiti

larice (bot.) = lèrxo
Larix decidua, conifera a foglie caduche, può arrivare a 40 m. d'altezza

latta (attr.) = làmma
lamiera sottile di ferro ricoperta; recipiente fabbricato con tale materiale, a chiusura ermetica, destinato a contenere liquidi

lattaio (ter.) = leitâ, laitâ; leitæa (lattaia)
chi vende il latte

latte = læte, làite (v.d'Aveto); // crémma (crema, fior di l.); scciùmma de l. (panna montata); l. préizo (l.cagliato); prezù (caglio); prescinsêua (l.rappreso per ripieni, torte salate, ecc.); schéuggia (siero); rechêutto (sm) (ricotta); aleitâ (mungere)
prov. Fâ vegnî o læte a-e zenogge (Far venire il latte alle ginocchia); Êse in læte (Essere in latte, volgarm. si dice del grano quando è ancora ripieno di liquido trasparente e mucoso); Pigiâ o læte (Poppare, prendere il l.)

lattuga (bot.) = leitûga; // risétto (l.crespa); l. françeize (l.romana); l. capuçinn-a (l.capuccina)
Lactuca sativa, erba da insalata. Leitûghe pinn-e (lattughe ripiene in brodo) piatto tradizionale ligure pasquale

lattuga romana bionda (bot.) = çimélli
varietà di Lactuca sativa (diz. Casaccia pag.226)

lattughina (bot.) = leitughétta
l. capuccina seminata folta e ancor piccola

lauro (bot.) = öféuggio
vedi alloro

lavanda (bot.) = spîgo
Lavandula, è un genere di piante spermatofite dicotiledoni appartenenti alla famiglia delle Lamiaceae, dall'aspetto di piccole erbacee annuali o perenni dalla tipica infiorescenza a spiga

lavatoio (attr.) = tréuggio
trogoli pubblici dove le donne vanno a lavare i panni

laveggio (attr.) = lavézzo
sorta di vaso simile al calderotto (bolàcco) che si usa dai contadini per cuocervi dentro la vivanda invece di pentola, ed ha il manico come il paiuolo

lavorare (ver.) = louâ, travagiâ
t. a scarso (lavorare a cottimo); t. in giornâ (lav. a giornata); t. sott'ægoa (lav. di nascosto, di straforo)

lazzeruolo (bot.) = nazaròlla
(Crataegus azarolus) è un albero da frutto appartenente alla famiglia delle Rosaceae e al genere Crataegus; cresce sino a un'altezza massima di 3-5 metri, i fiori sono bianchi, il frutto è un pomo commestibile di forma globosa, color rosso amaranto

leccio (bot.) = èrxo
albero sempreverde e latifoglie, con fusto raramente dritto, di altezza fino a 20-24 m. Produce ghiande

legaccio (attr.) = ligàggia
qualunque cosa con cui si legano balle, fastelli e simili

legaccio /2 (attr.) = ligàmme
quello con cui si legano le calze cingendo la scarpa

legare (v.) = ligâ
legatura = ligatûa
legna (ter.) = lègna; buscàgge (l. minuta da ardere)
scciapâ a lègna (spaccare per il lungo la legna con la picozza)

legnaia (ter.) = legnæa
legname (ter.) = legnàmme
buscàggia (legname minuto da far fuoco, bruciaglia)

legno (ter.) = légno; // fâ de légne (fare legna); l. alupòu (l.infracidito)
legumi (bot.) = legùmmi
lentaggine (bot.) = cornâ
Viburnum tinus, lentaggine o laurotino, appartiene alla famiglia Caprifoliaceae ed è originario dell’Europa, America e Asia; è un arbusto resistente al freddo, fiorisce in inverno, fa fiori bianchi profumati; è adatto a far siepi

lenticchia (bot.) = lentìggia
legume secco

lepre (anim.) = lêvre
letamaio (ter.) = liamêa
letame (ter.) = liàmme
letame dei bovini = bêuza, bêuzima
fimo, sterco

lettiera = létto de béstie
giaciglio delle bestie nelle stalle, formato di paglia e foglie; dove fanno gli escrementi i gatti

levaolio (attr.) = làddra, sciuscétto
per aspirare l’olio da sopra il vino; il primo termine è proposto dal prof. Franco Bampi, il secondo dallo scrittore Gualtiero Schiaffino


liana (bot.) = liànn-a
pianta sarmentosa, legnosa o erbacea, che si arrampica sui tronchi di altri alberi per raggiungerne le chiome, in modo da prendere più luce

libeccio = lebéccio
vento che spira da sud-ovest, anche detto garbino o africo

libellula (anim.) = massapræve
cavalocchio, insetto con ali trasparenti

lillà (bot.) = lillà, lillasso
Syringa vulgaris, pianta della famiglia delle Oleacee, genere Syringa, arbusto rustico a foglia caduca, alto fino a 6 m. coltivato per l'eleganza e la fragranza dei fiori che sbocciano in aprile-maggio.
Secondo il Casaccia (pag.408): Giâsemìn de Tùnexi Gelsomino di Persia (Syringa persica) arbusto alto 2 mt.


limonata = limonâta
limone (bot.) = limón; // bôga de limón (buccia di mezzo l. spremuto)
Citrus limon, albero da frutto appartenente alla famiglia delle Rutaceae, fa fiori bianchi odorosi, il frutto è giallo e leggermente bislungo

limonetto (bot.) = limonétto
secondo il diz. Casaccia (1876), il limonetto è il Citrus limonum parvus e dovrebbe essere una pianta che fa limoni piccoli, abbondantissimi e ricchi d'acido; secondo Franco Bampi indica il pitosforo. Limonetto è anche uno dei nomi comuni dell'erba luisa (Aloysia citriodora)

lino (bot.) = lin
il lino comune è una pianta della famiglia delle Linaceae; è una fibra composta ricavata dal libro del Linum usitatissimum composta per circa il 70% da cellulosa

liquirizia (bot.) = regolìçia; recanìsso, reganìsso (radice di l.)
pianta erbacea perenne, alta fino a un metro, appartenente alla famiglia Fabaceae. La tradizione popolare attribuisce alla radice di l. diverse proprietà farmacologiche: digestiva, antinfiammatoria, depurativa, diuretica e protettiva della mucosa.

liquore = licôre, vin de lùsso
rum, acquavite, rosolio, ecc.

lisciva = lescîa
ranno: acqua passata per la cenere e bollita con essa, usato in passato come sbiancante, sgrassante, disinfettante, e come detersivo per il bucato

locusta (anim.) = catainétta
loglio (bot.) = loéggio, zizània
vedi zizzania

lombrico (anim.) = onbrîgo
loto (bot.) = löto
genere di piante acquatiche, unico genere della famiglia delle Nelumbonaceae; comprende due sole specie, originarie di America, Asia e Australia, con foglie molto decorative e grandi fiori di colore bianco, rosa, giallo e rosso, note col nome di fior di loto

lucciola (anim.) = ciæbèlla
minuscolo insetto coleottero della famiglia Lampyridae, emette una luce intermittente nella fase di corteggiamento

lucciolato (anim.) = babòllo, barbòllo
bacherozzolo che fa luce come una lucciola, ma non vola

lucerna = lumêa
lucertola (anim.) = grîgoa, sgrîgoa, léscioa (Levante)
lumaca (anim.) = lumàssa; // lumàssa bòuza (l. senza guscio, lumacone)
Fâ comme a lumàssa (Fare come le chiocciole, chiudersi in casa)

lumachino (anim.) = lumasìn
anche chiocciolino/a, chioccioletta, lumachetta

lumachino di prato (bot.) = gabaeu, fonzo do sàrxo
Agaricus polymices, nasce a folti cespugli dalle radici o ceppi morti di diversi alberi (salice, gelso, olmo). Fungo mangereccio venduto sui mercati di Firenze col nome di Famiglia bianca leonata, e in quelli di Pavia e Milano col nome di Gabareul

lumacone (anim.) = lumasón
lume a olio =
vedi lucerna

lunaria (bot.) = argentìnn-a, medàgge de Giùdda
Lunaria annua o inodora, pianta erbacea biennale appartenente alla famiglia delle Brassicacee o Crocifere. È nota con diversi nomi comuni, fra cui monete del Papa, medaglie di Giuda e erba luna

luogo (ter.) = lêugo, pòsto, scîto
lêugo, còmodo (cesso); lùvego (l. uggioso, dove non batte il sole)

lupinella (bot.) = scrolabò
Onobrychis viciifolia, pianta erbacea foraggera che viene coltivata nei campi e negli orti come foraggio per gli animali; della famiglia delle Fabaceae (Papilionacee) originaria delle regioni aride dell’Europa centro-meridionale e dell’Asia occidentale

lupino (bot.) = lupìn
il lupino bianco (Lupinus albus) è una pianta della famiglia delle Fabaceae, eretta fino a 1,5 m, poco ramificata e pubescente; è un legume

lupo (anim.) =
luppolo (bot.) = reverdîxe
pianta erbacea perenne, caducifoglia e latifoglia, a fiore appartenente alla famiglia delle Cannabaceae

lustrino (attr.) = lustrìn
sorta di drappo di seta

 Legenda
   
cont termine contadino
f femminile
it italianismo
m maschile
pp participio passato
pl plurale
pop voce del popolo
sf sostantivo femminile
sm sostantivo maschile
ze genovesismo
 Categorie:
bot botanica
attr attrezzi
anim animali
ter territorio
v verbi
prov proverbi


Funge


< Torna alla Ricerca

HOMEPAGE     CULTURA e TRADIZIONI     GUESTBOOK

Tutti i diritti riservati - PAOLINO 2019