PAOLINO
Dizionario Genovese Agricolo contadino
Diçionâio Zeneize Agricolo contadìn


Proverbi:
Albero
Da l'èrbo se conosce i frûti (Gli asini si conoscono dalla sella)
Pe 'n corpo no cazze 'n èrbo (Per un colpo non cade un albero)
Caprone
Santi sensa bécco, Natale meschinétto (Giorno dei Santi senza pollo/tacchino, Natale poverino)
Cespo
L'ægoa d'agósto a rinfrésca o costo (La pioggia d'agosto rinfresca il cespo)
Ciliegia
Màzzo çêxe a l'asàzzo, zùgno çêxe a pùgno (Maggio ciliegie all'assaggio, giugno ciliegie a pugno; a maggio iniziano a maturare, a giugno in gran quantità)
Crusca
A fænn-a do diâo a va tutta in brénno (La farina del diavolo va tutta in crusca, cioè le cose malamente acquistate vanno presto in malora)
Erica
Bezéugna pigiâ de bòtte e baxâ o brûgo (Bisogna prendere delle botte e baciare la scopa, cioè quando si è offesi da una persona della quale si ha bisogno, si deve soffrire con pazienza e anche ringraziare)
Fagiolo
Finn-a Sant'Anna i faxeu montan in sciâ canna, da Sant'Anna in sciù no ghe ne monta ciù (Fino a Sant'Anna [26 luglio] i fagioli s'arrampicano sulla canna, da Sant'Anna in poi non se ne arrampica più)
Fiore
Chi veu pigiâ di frûti no scròlle l'èrbo quand'o l'é in sciô (Chi vuol prendere frutti non scuota l'albero quando è in fiore)
Unn-a sciô a no fa mazzo (Un fiore non fa maggio, cioè primavera)
Foglia
E giastemme son comme e féugge, che chi e caccia se l'arechéugge (Le bestemmie son come le foglie, chi le butta se le raccoglie)
No se méscia féuggia che Dîo no veugge (Non si muove foglia che Dio non voglia)
Gabbano
L'ægoa menûa a l’inganna o vilàn, pâ ch'a no bagne e a ghe passa o cabàn (La pioggia minuta inganna il villano, sembra che non bagni e gli passa il gabbano)
Gallina
Galìnn-a vêgia fa bon bròddo (Gallina vecchia fa buon brodo)
A primma galìnn-a a cantâ a l'à fæto l'êuvo (La prima gallina che schiamazza ha fatto l'uovo; il primo che cerca di scusarsi spesso è colpevole)
Peâ a galìnn-a sensa fâla criâ (Pelare, spennare la g. senza farla gridare)
M'é vegnûa a pelle de galìnn-a (Mi è venuta la pelle di g.: sensazione nel vedere cose orribili)
Gatto
Càzze in pê comme i gatti (Cadere in piedi come i g.)
Quande o gatto o se spassa e oêge, veu dî che cêuve (Quando il g. si pulisce le orecchie, vuol dire che pioverà)
Vende o acatâ un gatto inte un sacco (Vendere o comprare un g. in un sacco, dare o dire una cosa per un'altra a una persona senza che questa possa rendersene conto)
Imbuto
A bocca a l'é o tortaieu do cû (La bocca è l'imbuto del sedere)
Latte
Fâ vegnî o læte a-e zenogge (Far venire il latte alle ginocchia, cioè noioso)
Avéi ancon o læte in bocca (Avere ancora il latte alla bocca, esser troppo giovane o di poca esperienza)
Mazzacavallo
No me ronpî a çighéugna (Non mi rompere il capo, non mi seccare)
Mela
Chi vanta e seu méie, l'é segno che son màrse (Chi vanta le sue mele, è segno che sono marce)
'Na méia màrsa ne goàsta çento (Una mela marcia ne guasta cento)
Bonn-e paròlle e méie nisse no rónpan a tésta a nisciùn (Buone parole e mele ammaccate non rompono la testa a nessuno: le mele essendo già cadute non possono più arrecare danno a nessuno)
Miele
A San Michê, tutte e straççe san d'amê (A San Michele, tutti gli stracci sanno di miele; il 29 settembre comincia a far freddo e qualunque abito seppur vecchio viene bene)
Con l'amê se piggia e mosche (Con il miele si piglia le mosche)
Quàrche vòtta l'é ciù dôçe l'axòu acatòu che l'amê regalòu (Qualche volta è più dolce l'aceto comprato che il miele regalato)
Minestra
O mangia questa menèstra ò sâta questa fenèstra (O mangia questa minestra o salta questa finestra)
A menèstra a l'é a biâva de l'òmmo (La minestra è la biada dell'uomo)
Mosto
Chi veu avéi do mosto, sappe a vigna d'agosto (Chi vuol avere del mosto, zappi la vigna d'agosto)
De seténbre e d'agosto, béivi o vin vêgio e lascia stâ o mosto (Di settembre e d'agosto, bevi il vino vecchio e lascia stare il mosto)
Noce
Pan e nôxe, mangiâ da spôze (Pane e noci, mangiare da spose)
Dinâ da nôxe (Denaro della noce, la mancia che i padroni davano ai loro commessi per Natale, ma pure l'omaggio che il bottegaio dava ai suoi clienti più affezionati)
Ortolano
O pê de l'òrtoàn o no goasta l'òrto (Il piede dell'ortolano non guasta l'orto)
Pecora
Chi pêgoa se fa, o lô o se o màngia (Chi pecora si fa, il lupo se lo mangia)
Gramma/Meschìnn-a quella pêgoa chi no sa avardâ a seu lann-a (Povera quella pecora che non sa proteggere la sua lana)
Pera
Ma che péie, ma che péie, chi se màngia, chi se béie! (Ma che pere, ma che pere, qui si mangia, qui si beve! Richiamo dei fruttivendoli di una volta)
Piovere
Quando o çê o l'é fæto a pan, se no cêuve ancheu cêuve domàn (Quando il cielo è fatto a pani, se non piove oggi piove domani)
Se no cêuve de màrso, no gh'é ne fen ne âtro (Se non piove a marzo, non c'è né fieno né altro)
Arvî, ciuì ciuì (Aprile, piovere piovere; tradizionalmente mese piovoso)
Pòrtofin scûo, cêuve segûo (Portofino scuro, piove sicuro)
Pozzo
Êse comme o posso de San Patrìçio (Essere come il pozzo di San Patrizio, non accontentarsi mai)
Fâ vedde a lùnn-a into posso (Far vedere la luna nel pozzo)
Raccogliere
Chi no seménn-a, no arechéugge (Chi non semina, non raccoglie)
Rosa
Se saiàn rêuze scioiàn (Se saranno rose fioriranno)
No gh'é rêuza sensa spinn-e (Non c'è rosa senza spine)
Ruota
Con træ rêue o câro o no peu anâ (Con tre ruote il carro non può andare)
Sarmento
Quande o lô o l'à famme, o s'atacca finn-a a-e poàsse (Quando il lupo ha fame, s'attacca persino ai rami secchi)
Scopa
A spasoîa nêuva a spassa ben tréi giorni (La scopa nuova spazza bene tre giorni)
Secchia
Vegnî zù l'ægoa a ségge (Piovere a secchi, a catinelle, a dirotto)
Stagione
De novéllo tutto l'é bello, de stagión tutto l'é bon (Di novello tutto è bello, di stagione tutto è buono)
Frûto fêua de stagión (Frutto fuori stagione)
Stallatico
Êse coiôzo comme a merda (Esser curiosissimo di sapere)
Terra
Tæra néigra fa bon gran, tæra giànca fa bon pan (Terra nera fa buon grano, terra bianca fa buon pane)
A tæra a-o contadin: làscime a mæ erba, no veuggio a teu merda (La terra al contadino: lasciami la mia erba, non voglio il tuo letame; cioè l'erba è il miglior concime naturale da sotterrare)
Uovo
A primma galinn-a ch'a canta a l'à fæto l'êuvo (La prima gallina che canta ha fatto l'uovo)
L'é mêgio n'êuvo ancheu che 'na galinn-a doman (È meglio un uovo oggi che una gallina domani)
Uva
Bella vigna e pöca ûga (Bella vigna e poca uva, cioè Tanta apparenza e poca sostanza)
Vacca
Parlâ latin comme 'na vàcca spagnòlla (Parlare latino come una vacca spagnola: paradosso)
Mangiâ o vitéllo inta pansa da vàcca (Mangiare il vitello nella pancia della vacca: mangiarsi il guadagno prima di aver finito il lavoro)
Quande a vacca a l'arsa a testa, no sta goæi a arivâ a tenpesta (Quando la mucca alza la testa, non sta molto ad arrivare la tempesta)
Vigna
Chi veu avéi do mosto, sàppe a vìgna d'agosto (Chi vuol avere del mosto, zappi la vigna d'agosto)
Villano
Atto de man, træto de vilàn (Gioco di mano, gioco da villano; utilizzare maniere forti, essere maleducato)

Modi di dire:
Mette in caponêa (Mettere in gabbia, in prigione)
Unn-a còrba de pan, de patatte, ecc. (Una corba di pane, di patate, ecc. cioè la misura tenuta nella corba)
Avéi 'na còrba d'anni (Essere in là con gli anni, vecchio)
Bécco conténto (Cornuto)
Andâ pe-i brìcchi (Arrampicarsi per dirupi)
Andâ pe-i fiâgni (Cagare all'aperto)
Tremâ comme 'na féuggia (Tremare come una foglia)
Scrîve comme e galìnn-e (Scrivere come le galline, cioè malissimo)
Fâ i gattìn (Fare i gattini, cioè vomitare)
Avéi o grillo pe-a câsetta (Avere il grillo nella calza [da donna], cioè essere di buon umore)
Avéi di grilli pe-a testa (Aver delle fantasie)
Formaggio co-i grilli (Formaggio bacato, coi vermi)
Schittâ comme un grillo (Saltarellare)
Êse in læte (Essere in latte, volgarm. si dice del grano quando è ancora ripieno di liquido trasparente e mucoso)
Pigiâ o læte (Poppare, prendere il latte)
Scentâ o læte (Cansarsi il latte, dicesi quando alle donne non viene più il latte)
Fâ comme a lumàssa (Fare come le chiocciole, chiudersi in casa)
Êse cô péivie (Essere color pepe, parlando di persona scaltra, maliziosa)
Avéi un cheu de prîa (Avere un cuore di pietra)
Êse a prîa do scandalo (Essere la pietra dello scandalo)
Röba da fâ ciànze e prîe (Roba da far piangere le pietre)
Paéighe un stàggio (Sembrare un porcile, cioè un luogo sporco)
Fâ a vitta do beato pòrco (Fare la vita del beato porco, che pensa a togliersi tutte le voglie mangiando e bevendo allegramente)
Scûo comme in bocca a-o lô (Buio pesto, come in gola)
Spusâ de bestìn (Puzzare di bestia, puzzolente)
Spusâ de chintànn-a (Puzzare di fogna)
Spusâ o sciòu (Puzzare il fiato, aver cattivo alito)
Dâ o rîzo co-a natta (Dare il riso con il sughero: qualcosa di immangiabile, cioè inaccettabile)
Son arestòu de natta (Sono rimasto basito)
Gh'é scciupòu l'êuvo into fêugo (Gli è scoppiato l'uovo nel fuoco: il verificarsi un avvenimento del tutto inaspettato)
Dâse a sàppa in sci pê (Darsi la zappa sui piedi)

 Manca qualcosa? Scrivimi!

< Torna alla Ricerca Torna Su ^

HOMEPAGE     CULTURA e TRADIZIONI     GUESTBOOK

Tutti i diritti riservati - PAOLINO 2019-2021