PAOLINO
Dizionario Genovese Agricolo contadino
Diçionâio Zeneize Agricolo contadìn


Risultato ricerca:
155 parole tradotte che iniziano con s

sacco (attr.) = sàcco
recipiente di tela cucito ai lati e ad una delle testate


saggina (bot.) = sagìnn-a
chiamato anche Sorgo, è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle graminacee. Si fabbricavano scope di saggina utilizzate comunemente per lo spazzamento delle case, almeno fino alla seconda guerra mondiale


sala (bot.) = lisca
Sala, nome comune con cui sono conosciute alcune erbe di palude della classe delle Monocotiledoni. In particolare la Tifa (Typha latifolia), alta anche 250 cm, anticamente le foglie venivano usate per impagliare seggiole e rivestire fiaschi, e le infiorescenze composte da moltissimi “pelucchi” tutti uniti venivano usate per imbottire materassi. La Sala di Palude veniva usata dai bottai per meglio sigillare le doghe delle botti

salamandra (anim.) = scilvèstro
sorta di rettile di colore nero lucido sul quale spiccano vistose macchie gialle, somigliante alla lucertola, vive presso le paludi

salice (bot.) = sàrxo, sâxo
gàbba (s.bianco o da pertiche, salicone)

salicone (bot.) = gàbba
salice bianco o da pertiche

salsefrica = barbabécco
vedi barba di becco

salvia (bot.) = sàrvia
Salvia officinalis, piccola pianta perenne erbacea aromatica dai delicati fiori labiati, famiglia delle Lamiaceae

sambuco (bot.) = sanbûgo
Sambucus nigra, pianta medicinale dal fusto pieghevole e midolloso, fiorisce a maggio; i fiori essicati possono essere usati in infuso come bevanda diuretica

 
sansa = lórba
residui delle bucce interne ed esterne, delle castagne seccate e battute

santoreggia (bot.) = santorìn, izöpo sarvægo
Satureja hortensis, famiglia della Labiatae, pianta perenne, aromatica impiegata in cucina. Dialetto: tùmao gianco, erba peverina

saponaria (bot.) = savonêa, savonétta, erba savonina
Saponaria officinalis, tossica

saracco (attr.) = soràcco
sega da falegname a lama larghissima, senza telaio di legno, ma fissata a una piccola impugnatura che serve da manico


saracco a costola (attr.) = pêtenìnn-a
sega a lama larga e sottile, rafforzato sul lato opposto alla dentatura da una lista metallica, in modo da impedire che s'incurvi durante l'uso

sarmento = poàssa; pl. poàsse
ramo reciso e secco della vite (edera, vitalba e simili), da bruciare.
Prov. Quande o lô o l'à famme, o s'atacca finn-a a-e poàsse (Quando il lupo ha fame, s'attacca persino ai rami secchi)

sasso (ter.) = sàscio, prîa
sassolino (ter.) = bechéllo, bechelétto, bædìn, bædìnn-a, sascétto
satirio (bot.) = antoìnn-a
Satyrium hircinum (sin. Loroglossum hircinum), famiglia delle orchidee, pianta erbacea alta 30-90 cm, con fusto robusto, verde-giallastro; infiorescenza molto densa e verdastra, cilindrica, in genere con 20-80 fiori di odore sgradevole di caprino. Chiamata anche Barba di becco, Testicolo di volpe. Presente in Italia meridionale e Sicilia, Liguria e Piemonte meridionale: specie rara


sbocciare (v.) = arvîse, butâ
Il diz. Frisoni riporta anche sccioî col significato di sbocciare dei fiori, oltre che di schiudere, nascere di animali ovipari

sbucciare (v.) = mondâ, levâ a scòrsa; peâ (castagne)
Mondâ 'na méia (Sbucciare una mela); Peâ e castàgne (Sbucciare, pelare le castagne)

scaletta di pietra (attr.) = sapéllo
scaletta di pietra, tra due fasce, o esternamente ad un muro a secco con pietre sporgenti a formare degli scalini

scalogno (bot.) = scialòtta
Allium ascalonicum, detto anche scalogna (échalote in Francia), è una pianta della famiglia Liliaceae, simile alla cipolla, il bulbo ha l'odore e il sapore dell'aglio

scarafaggio (anim.) = bagón; pl. bagoìn
insetto

scariola (bot.) = scaròlla
vedi scarola

scarola (bot.) = scaròlla, scòula
indivia (Cichorium endivia) è una pianta commestibile, sviluppa una rosetta di foglie assai increspate le quali formano un cespo

scarponcino (attr.) = scarponcìn
vedere anche scarponcino chiodato

scarponcino chiodato (attr.) = brochìn
scarpe che calzano fin sopra il collo del piede e che si allacciano con cordoncino o stringa

scarpone (attr.) = scarpon
vedere anche scarponcino

scavare (v.) = scavâ
scavo (v.) = scâvo
schiaccianoci (attr.) = sciacanôxe
attrezzo casalingo usato per rompere il guscio di noci, nocciole, mandorle o altra frutta secca con guscio duro

sciame = sciàmmo
quantità e moltitudine di api che abitano e vivono insieme; sciàmmo d'öxélli (stormo d'uccelli)

scintilla = zimma
scoiattolo (anim.) = sciórnia, vinværa
scopa (attr.) = spasoîa, ræxa (Riomaggiore)
Prov. A spasoîa nêuva a spassa ben tréi giorni (La scopa nuova spazza bene tre giorni). Mazzo di scopa, saggina o simili, legati assieme con manico infilato all'estremità; la granata (s. de parma) si compone di distinti mazzetti (manelle) legati insieme in forma di ventaglio; la scopa de brûgo è formata da Erica scoparia ed è impiegata per spazzare stalle, strade, ecc.


scopare (v.) = spasâ
scorpione (anim.) = tàncoa (sf)
in genovese scorpión è il geco (vale anche per il segno zodiacale)

scure (attr.) = picòssa, picòsso
vedi piccozza

scuro = scûo
vedere anche buio

seccare (v.) = secâ, asecâ, disecâ
rendere secco

seccatoio (attr.) = secaeso, sechêzo
stanza costruita con pietre o mattoni, nelle vicinanze del castagneto, nella quale si fanno seccare col fuoco le castagne, poste sopra un graticcio (græ)

secchia (attr.) = séggia
vaso cupo di rame, ma anche di legno a doghe, usato come contenitore d'acqua o altro liquore. Vale anche per unn-a séggia d'ægoa (una secchiata d'acqua, nel senso di contenuto). Prov. Vegnî zù l'ægoa a ségge (Piovere a secchi, a catinelle, a dirotto)

secchiello (attr.) = segéllo
s. da aleitâ o læte (secchio dentro il quale si raccoglie il latte da mungitura)

secchio (attr.) = ruxentâ, bolàcco
ruxentâ vaso di rame col quale si attinge l'acqua; bolàcco vaso cilindrico di metallo, con manico di ferro arcato girevole (vedere anche calderotto)

secchio da muratore (attr.) = bogeu
chiamato anche bugliolo

secchio per acqua (attr.) = ruxentâ
vaso di rame col quale si attinge l'acqua

secchio per il latte (attr.) = stagnón
recipiente di zinco o latta per trasportare latte o acqua

sedano (bot.) = sélou, sélao
sega (attr.) = særa
arnese da taglio

sega a mano (attr.) = serétta, soràcco
sega circolare (attr.) = frézza
segale (bot.) = séiga, séigo
Secale cereale o segala, è un cereale

segare (v.) = segâ
segare l'erba con la falce fienaia

segatura = seréuia
seghetta (attr.) = serétta
piccola sega a mano

segolo (attr.) = penàcco
vedi pennato

selciato = àstrego
pavimento o strada lastricata con selci, pietre di colore rossiccio, bruno o grigiastro

sellare (v.) = selâ, inselâ
mettere la sella al cavallo, bardarlo

selvatico = sarvægo
seme = seménsa
seme /2 (della frutta) = armélla
seme della frutta con torsolo (mela, pera), zucca, anguria, ecc.

semenza = seménsa, suménsa
semenzaio (attr.) = pascionêa
dove vengono seminate le piante, che raggiunta una certa grandezza, in seguito verranno trapiantate altrove

semenzina (bot.) = semensétta
semi di un'erba (artemisia judaica) usato per curare i vermi nei bambini

seminare (v.) = semenâ
seminato = semenòu
sentiero (ter.) = sentê, strazétto
piccola via con fondo naturale, tracciata dal frequente passaggio di uomini e animali, in campagna e montagna

serenella (bot.) =
vedi lillà

sereno = serén, sên
cielo sgombro da nubi

serpe (anim.) = bìscia
serra (attr.) = særa
luogo chiuso con vetri dove si coltivano fiori e piante

setacciare (v.) = siasâ, seasâ
setaccio (attr.) = siâso, seâso
vaglio costituito da un recipiente che per fondo ha generalmente un retino metallico, che serve a filtrare materiale avente dimensioni superiori a quelle della maglia


sfalcio =
vedi falciatura

sfiorire (v.) = pèrde a sciô
sgabellino = scanbelétto, sganbelétto
Predellino, piccolo arnese da posarvi i piedi; piccolo sgabello


sgabello = scabèllo
Sedile di piccole dimensioni, per lo più sorretto da quattro gambe


sgelare (v.) = desgiasâ, dezeâ, derzeâ
sgranare (v.) = desgranâ, destegâ
sgusciare (v.) = desgusciâ, sgusciâ
cavare dal guscio

siccità = sésia
siccità dell'aria = sciughêa, sechêa
stato dell'atmosfera, spirando la tramontana o altro vento asciutto

siepe = cioénda; pl. cioénde
allineamento di arbusti con funzioni di protezione, di recinzione o di bordura, in campi, giardini, orti

siringa (bot.) =
vedi lillà

sito (ter.) = scîto, lêugo, pòsto
slegare (v.) = desligâ, sligâ
slitta rustica (attr.) = lêza
treggia, veicolo rustico senza ruote strascicato da buoi, fatto per uso di trainare specialmente su luoghi erti


soffietto (attr.) = sciuscétto
Mantice, strumento manuale col quale si genera aria per alimentare il fuoco del camino o della stufa.
Nelle carrozze, e in genere nei veicoli trainati da cavalli, la copertura che si può alzare o abbassare per riparare dal sole o dalla pioggia


soffione (bot.) = sciusción
infruttescenza del Tarassaco o dente di leone o dente di cane, pianta erbacea comune delle Composite


solcare (v.) = sorcâ
far solchi nella terra

solco (ter.) = sórco
bêo, solco per l'irrigazione dei campi

sole =
solfino (bot.) = senpitèrno
erba zolfina

solfino selvatico (bot.) = stacadò, stecadeu, senpitèrno sarvægo
lavanda selvatica o stecade (Lavandula stoechas), pianta sempreverde della famiglia delle Lamiaceae, fiori d'un violetto cupo, a spiga fitta, fiorisce da maggio ad agosto

somaro (anim.) = âze; pl. âxi
sonaglio (attr.) = stracaêlo, sunàggio, sunagìn; // pl. stracaêli
soncino =
vedi songino

songia = sciónza
vedi sugna

songino (bot.) = sarzétto, sarxétto
Valerianella locusta (chiamato anche soncino) è una pianta erbacea, edibile da insalata, appartenente alla famiglia delle Valerianacee. Cresce nelle aree temperate del Mediterraneo, oggi la sua produzione si concentra fra Lombardia e Campania

sorba (bot.) = sciórboa
frutto del sorbo domestico (Sorbus domestica), piriforme, di colore rosso, acido, che si pone a maturare in mazzi per aria o sulla paglia. Maturano in autunno, venivano usati per scopo alimentare in passato

sorbola =
vedi sorba

sorgente (ter.) = sorgénte, vivàgna
sottobosco (ter.) = razê
spaccalegna = scciapòu
spaccare (v.) = scciapâ
spaccare per il lungo la legna con la picozza

spalliera (attr.) = spalêa
disposizione di piante fruttifere contro i muri degli orti e dei giardini, mediante graticolati o legni incrociati che servono di sostegno alle piante

spaventapasseri (attr.) = spaventàggio
fantoccione di stracci che si mette nei campi per spaventare gli uccelli

spazzola (attr.) = spasétta, spasoiétta
arnese per ripulire dalla polvere i panni, i cappelli, ecc.

spicchio = gælo
spîgo d’àggio (s. d'aglio); gælo de çetrón (s. d'arancia, limone); fetta de méi, de péi (s. di mela, di pera)

spicchio d'aglio = spîgo d'àggio
spiga (bot.) = spîga
pannocchia (infiorescenza) di grano, orzo e avena

spigo (bot.) = spîgo
vedi lavanda

spigolare (v.) = spigoâ
raccogliere le spighe nei campi

spina = spìnn-a, beucco
spinaci (bot.) = spinàssi
spincervino (bot.) = péi çervìn
(rhamnus infectorius) Ramno catartico o Nerprun (Nizza), famiglia Rhamnaceae, che include circa 100 specie. È un arbusto alto fino a 3–4 m con radice ramificata legnosa, rami piuttosto numerosi ed opposti, terminati all'apice da una spina legnosa; fa fiori piccoli bianchi, bacche nere


sporta (attr.) = spòrta
arnese tessuto di giunchi, paglia o simili, con due manici per uso di trasportare robe per lo più commestibili. Vedere anche sporta da olio

sporta da olio (attr.) = spòrta da êuio
quella gabbia fatta di corde d'erba detta Stramba, intrecciata a maglie a guisa di rete, di forma rotonda, con un buco nel mezzo, di sopra e di sotto


spulare (v.) = valâ
levare la pula (scarto della trebbiatura dei cereali)

spulatoio (attr.) = vàllo
cestino di vimini di forma circolare, con bordo da una sola parte e due maniglie laterali, fatto apposta per ventilare le castagne secche, dopo che son state battute. Da non confondere con vaglio


spumante = vìn chi scciùmma, spumànte
staccio =
vedi setaccio

stadera (attr.) = cantâ
strumento con cui si pesano diverse cose, sostenendole in bilico con un unico contrappeso, chiamato Romano o Piombino, fatto scorrere a debite distanze lungo lo stile.  Il diz. Casaccia a pag.109 riporta bànsa da man. Vedere anche bilancia


staderone (attr.) = banson
grossa stadera

stagionato = stagionòu, astagionòu
stagione = stagión
prov. De novéllo tutto l'é bello, de stagión tutto l'é bon (Di novello tutto è bello, di stagione tutto è buono); Frûto fêua de stagión (Frutto fuori stagione)

stagno (ter.) = stàgno
acquitrino, specchio d'acqua ferma di ridotte dimensioni

stalla = stàlla
stallatico = mèrda de cavàllo, de vàcca, d’âze, ecc.
prov. Êse coiôzo comme a merda (Esser curiosissimo di sapere)

stalliere = stalê
starna (anim.) = stèrna
Perdix cinerea o pernice grigia, uccello galliforme della famiglia dei Fasianidi. In Italia si trova nel nord e lungo l'Appennino centro settentrionale

stecade citrina (bot.) =
vedi elicriso selvatico

steccato = stecâto, stecòu
palizzata, recinzione di pali conficcati nel terreno

stelo (bot.) = ganba
gànba da sciô (stelo del fiore)

sterco = sòtta
pezzo di sterco piatto e di figura sferica, sterco liquido

sterco di gallina = galinàsso
pollina

stivale (attr.) = stivâ; pl. stivæ
mêzi stivæ (stivaletti, stivali che arrivano a mezza gamba)

stoviglia = tóndo
vedi stoviglie

stoviglie (attr.) = tóndi
anche schéussi vasi di terra per uso di cucina

strada (ter.) = stràdda, strâ
vedere anche viuzza

stramonio (bot.) = stramònia, èrba ratta
Datura stramonium (fam. Solanacee), noto come erba del diavolo o erba delle streghe o noce spinosa, pianta erbacea altamente velenosa

 
stufa (attr.) = stîva, stîa, stùffa
succhione (bot.) =
vedi pollone

sughera (bot.) = sûgou
quercia da sughero (Quercus suber), albero sempreverde della famiglia delle Fagacee. Può raggiungere i 20 m. d'altezza, il frutto è una ghianda ovale

sughero = nàtta (sf)
tessuto vegetale di rivestimento, che riveste il fusto e le radici delle piante legnose.
sûgou quercia da s. (Quercus suber).
Son arestòu de natta (sono rimasto basito)

sugna = sciónza
grasso di maiale (strutto) che un tempo usato per ungere cuoio lavorato, ruote e simili

suolo (ter.) = seu
susina (bot.) = brignón, brìgna; // arselìnn-a (catalana morella); franchìn (catalana); bonbocón (cat. gialla o genovese); verdón (catalana verde); verdón rióndo (spiccatoia o spiccagnola); damàschina (s.di Damasco, p. secca)
susino e prugno non hanno differenze dal punto di vista botanico: il frutto quando è fresco si chiama susina, quando è secco si chiama prugna

susina buon boccone (bot.) = bonbocón
catalana gialla o genovese

susina catalana (bot.) = franchìn
susina catalana morella (bot.) = arselìnn-a
susina catalana verde (bot.) = verdón
susina di Damasco (bot.) = damàschina
prugna secca

susina genovese (bot.) = bonbocón
buon boccone o catalana gialla

susina spiccatoia (bot.) = verdón
detta anche spiccagnola

 Legenda
   
cont termine contadino
f femminile
it italianismo
m maschile
pp participio passato
pl plurale
pop voce del popolo
sf sostantivo femminile
sm sostantivo maschile
ze genovesismo
 Categorie:
bot botanica
attr attrezzi
anim animali
ter territorio
v verbi
prov proverbi


Funge


< Torna alla Ricerca

HOMEPAGE     CULTURA e TRADIZIONI     GUESTBOOK

Tutti i diritti riservati - PAOLINO 2019