PAOLINO
Dizionario Genovese Agricolo contadino
Diçionâio Zeneize Agricolo contadìn


Risultato ricerca:
129 parole tradotte nella categoria Territorio (ter)

acqua (ter.) = ægoa
acqua stagnante (ter.) = ægoa coâ
acquaio (ter.) = bêo
solco per l’irrigazione dei campi; canale di deviazione dell'aqcua

allevatore (ter.) = alevatô
argine (ter.) = àrgine
rialto e elevazione di terra fatta sopra le rive dei fiumi. (vedere "rialto")

bacìo (ter.) = lùvego
bacìo, non raggiunto dai raggi del sole, esposto a tramontana (opposto di solatìo, soleggiato). Vedere anche uggioso

balza (ter.) = brìcco
luogo selvaggio, dirupo

brughiera (ter.) = brughêa
Terreno pianeggiante spesso argilloso e sabbioso e povero di humus, dove attecchiscono solo arbusti come brughi, ginestre, ecc. Nell'Italia settentrionale è dominata dal brugo, ma sono presenti anche specie di erica e di ginestra dei carbonai

canale (ter.) = bêo; canâ
acquaio, canale di deviazione; quel solco attraverso al campo, che si fa fa per ricever l'acqua dagli altri solchi, traendola fuori

canale /2 (ter.) = béudo
piccolo canale di pietre che fiancheggia un fossato: termine dialettale dell'estremo ponente ligure, usato da Calvino nel suo romazo "Il sentiero dei nidi di ragno" 1947

cantina (ter.) = cantìnn-a
luogo, per lo più sotterraneo, dove si conserva il vino. / Luogo dove si vende il vino al minuto

capanna (ter.) = cabànna
capponaia (ter.) = caponêa
Mette in caponêa (Mettere in gabbia, in prigione); stia: grande gabbia, dove si tengono i capponi e altri polli a ingrassare

casone (ter.) = cason
casa grande

casotto (ter.) = casòtto
stanza per lo più di legname, per stare coperto o per farvi bottega

ciottolo (ter.) = riseu
sasso arrotondato e levigato dalla corrente nel letto di un fiume

collina (ter.) = colinn-a; costigeu (collina bassa, poggetto, piccola costa)
coltivazione (ter.) = coltivaçión
attività diretta a ottenere un conveniente rendimento dalla terra e dalle piante

contadino (ter.) = contadìn, manénte, paizàn
covone (ter.) = bàrca de fén, de pàggia
di fieno, di paglia o di grano, fatta a cupola, di forma circolare


dirupo (ter.) = derûo, brìcco
precipizio, burrone, balza. Prov. Andâ pe-i brìcchi (Arrampicarsi per dirupi)

fango (ter.) = bràtta, pâtàn
fascia (ter.) = fàscia; // pl. fasce
piana di terreno seminato, terrazzato

fascina (ter.) = fascìnn-a
fascetto di rami minuti, legati con ritorta (tortàgna), che servono ad avviare il fuoco

fascio (ter.) = fàscio
fascio d'erba segata e legata, di legna, paglia

fienile (ter.) = fenêa (sf), cascìnn-a (sf)
fiera (ter.) = fêa
filare (ter.) = fiâgno; pl. fiâgni
filare di viti (uva) legate insieme con pali e pertiche; pop. andâ pe-i fiâgni (cagare all'aperto)

fiume (ter.) = sciùmme
fogliame (ter.) = fugiàmme
fogna (ter.) = chintànn-a, pùrgo
cloaca; qualunque luogo da cui esalano vapori fetenti

fondovalle (ter.) = canâ
fontana (ter.) = fontànn-a; barchî (f.monumentale)
fossato (ter.) = fosòu
Canale di scolo delle acque, lungo i campi o le strade di campagna; piccolo torrente

frutteto (ter.) = frutêto
fuoco (ter.) = fêugo
gallinaio (ter.) = galinâ
ghiacciaia (ter.) = giasêa
luogo dove conservare il ghiaccio; per simil. luogo o stanza freddissima

ghiacciato (ter.) = giasòu; // giasêa (ghiacciaia)
ghiaccio (ter.) = giàssa (sf), giàsso
giardino (ter.) = giardìn
gora (ter.) = ciûza, bêo
canale artificiale per portare acqua ai mulini o altra macchina mossa dalla forza dell'acqua

greppo (ter.) = lìggia, brìcco
luogo selvaggio, dirupato e scosceso

inondazione (ter.) = inondaçión
allagamento in tempi brevi di un'area ben definita

lago (ter.) = lâgo
lattaio (ter.) = leitâ, laitâ; leitæa (lattaia)
chi vende il latte

legna (ter.) = lègna; buscàgge (l. minuta da ardere)
scciapâ a lègna (spaccare per il lungo la legna con la picozza)

legnaia (ter.) = legnæa
legname (ter.) = legnàmme
buscàggia (legname minuto da far fuoco, bruciaglia)

legno (ter.) = légno; // fâ de légne (fare legna); l. alupòu (l.infracidito)
letamaio (ter.) = liamêa
letame (ter.) = liàmme
luogo (ter.) = lêugo, pòsto, scîto
lêugo, còmodo (cesso); lùvego (l. uggioso, dove non batte il sole)

macigno (ter.) = magheu
maneggio (ter.) = manézzo; pl. manézzi
il luogo dove si fa scuola o esercizi di equitazione, in genere consistente in un recinto (detto anche rettangolo)

marciume (ter.) = marsùmme
la parte marcia di qualche cosa

masso (ter.) = magheu, blòcco
macco (grosso cubo di pietre e cemento che si cola in mare per costruire i moli del porto)

mercato (ter.) = mercòu
mezzadro (ter.) = manénte
Contadino che lavorava la terra non sua e divideva a metà il raccolto con il proprietario del campo

montagna (ter.) = montàgna
montanaro (ter.) = montagnìn, montagnâ; paizàn de l'ancasciù
monte (ter.) = monte; // bricco (monte ripido)
mucchio (ter.) = mùggio
m. de légne, de fen (catasta di legna, di fieno); m. de prîe (m.di pietre); m. de câze (m.di case); a mùggi (a mucchi); tutto fa mùggio (tutto fa m. cioè tener conto d'ogni minima cosa)

mulattiera (ter.) = muatêa
strada o sentiero di montagna, atta anche alla circolazione di animali da soma (muli, asini)

mulino (ter.) = moìn
muro (ter.) = miâgia, muâgia
maxêa o séggio (muro a secco fatto di pietre per sostenere la terra)

muro a secco (ter.) = maxêa, séggio
fatto di pietre, senza l'uso di cemento, per sostenere la terra

natura (ter.) = natûa
nebbia (ter.) = nêgia
nêgiàsso (nebbione); gâro (n.alta, cont.)

neve (ter.) = néie, néive; // neviâ (ghiacciaia, luogo dove si conservava ghiaccio o neve)
prov. Tiâse de balle de néive (Tirarsi delle palle di neve)

nevicata (ter.) = nevàdda; // chéutta de néie/néive (n.abbondante)
neviera (ter.) = nevêa
luogo in cui conservare la neve: quando il frigorifero non esisteva, la neve veniva raccolta in una buca dove si conservava sotto forma di ghiaccio e rivenduta, a chi ne faceva richiesta, per tutto l'arco dell'anno

nevischio (ter.) = gâmìsto, gâmùstro
neve minuta, tra la neve e la grandine

nevoso (ter.) = pìn de néie/néive, nevôzo
nido (ter.) = nîo
ortaggi (ter.) = òrtàggi, òrtàggia
orticino (ter.) = òrtigêu
striscia d'orto vicino al muro, cinto d'una piccola muraglia poco elevata per sostenere la terra, in cui coltivare le primizie e gli ortaggi più delicati

orto (ter.) = òrto
campo nel quale si coltivano erbe mangerecce e alberi da frutto

ortolano (ter.) = òrtoàn
colui che lavora, coltiva e custodisce l'orto; prov. O pê de l'òrtoàn o no goasta l'òrto (Il piede dell'ortolano non guasta l'orto)

osteria (ter.) = òstàia, bétoa
paesano (ter.) = paizàn
paese (ter.) = pàize
paglia (ter.) = pàggia
pagliaio (ter.) = pagiâ
mucchio di paglia, impilata attorno ad un palo centrale (detto stollo) a formare un cono

pendenza (ter.) = péuzzo, rànpa
pendenza acclive, ripida, scoscesa

piana (ter.) = ciànn-a, séggio
pezzo di terreno di un orto, dove si coltiva una sola specie di piante

pianetto (ter.) = cianéllo
piccola e breve superficie di terra piana

pianoro (ter.) = cianéllo
piccola e breve superficie di terra piana; uno spazio piano tra altura e altura

pianura (ter.) = cianûa
pietra (ter.) = prîa; // p. dûa (p.dura, diamante); p. da fâ o fî a-e mesoîe (p.per affilare le falci, cote); p. prìmixa (p.pomice); p. picâ (p.lavorata)
prov. Avéi un cheu de prîa (Avere un cuore di p.); Êse a prîa do scandalo (Essere la p. dello scandalo); Röba da fâ ciànze e prîe (Roba da far piangere le p.)

podere (ter.) = villa, tegnûa, pésso de tæra
poggetto (ter.) = costigeu
collina bassa, piccola costa, poggiolino

poggio (ter.) = péuzzo
elevazione del terreno, altura tondeggiante simile alla collina, ma più bassa

pollaio (ter.) = polâ; // andâ a vêzo/a-o polâ (appollaiarsi); vêzi (bastoni orizzontali sui quali i polli s'addormentano); ligàggia (strisciolina di panno che serve a contrassegnare un pollo); brénno inpastòu (crusca e acqua impastati)
porcile (ter.) = stàggio
stalla per porci; Paéighe un stàggio (Sembrare una porcile, cioè luogo sporco)

pozza (ter.) = póssa
luogo concavo e piccolo pieno d'acqua ferma; póssa do liàmme (pozza del letame o palude, nella quale confluisce il liquido del letame)

pozzo (ter.) = pósso
prov. Êse comme o pósso de San Patrìçio (Essere come il pozzo di San Patrizio, non accontentarsi mai); Fâ vedde a lùnn-a into pósso (Far vedere la luna nel pozzo); pâpêto do p. (parapetto del p., parte che sovrasta il suolo); tàggia (carrucola); struttura artificiale, di forma circolare e dimensioni variabili, da cui si estrae dal sottosuolo l'acqua delle falde

prato (ter.) = pròu; pl. proéi
promontorio (ter.) = promontöio
sporgenza di terra che si protende nel mare, con rilievi più o meno accentuati, con sponde ripide (es. p. punta Manara, p. di Portofino, p. del Gargano)

rialto (ter.) = èrze
ciglio erboso, argine; terreno rialzato sopra una fossa che sovrasta al campo

risaia (ter.) = rizæa
luogo dove si semina il riso

rivo (ter.) = riâ, riàn
rigagnolo, ruscello, rio, fossatello

rivoletto (ter.) = rianétto, piscioêlo
ruscelletto (ter.) = rianétto, rianéllo
rivoletto; rianìn (piccolo ruscello, secondo Gualtiero Schiaffino, 1943-2007)

ruscello (ter.) = riâ, riàn
rigagnolo, rivo, rio, fossatello

sasso (ter.) = sàscio, prîa
sassolino (ter.) = bechéllo, bechelétto, bædìn, bædìnn-a, sascétto
sentiero (ter.) = sentê, strazétto
piccola via con fondo naturale, tracciata dal frequente passaggio di uomini e animali, in campagna e montagna

sito (ter.) = scîto, lêugo, pòsto
solco (ter.) = sórco
bêo, solco per l'irrigazione dei campi

sorgente (ter.) = sorgénte, vivàgna
sottobosco (ter.) = razê
stagno (ter.) = stàgno
acquitrino, specchio d'acqua ferma di ridotte dimensioni

strada (ter.) = stràdda, strâ
vedere anche viuzza

suolo (ter.) = seu
terra (ter.) = tæra
prov. Tæra néigra fa bon gran, tæra giànca fa bon pan (Terra nera fa buon grano, terra bianca fa buon pane); A tæra a-o contadin: làscime a mæ erba, no veuggio a teu merda (La terra al contadino: lasciami la mia erba, non voglio il tuo letame; cioè l'erba è il miglior concime da sotterrare)

terreno (ter.) = terén
terreno incolto (ter.) = zèrbo, zèrbio
gerbido

terreno molle (ter.) = molànn-a (sf)
che sprofonda sotto i piedi

torrente (ter.) = riâ
torrentello (ter.) = rianéllo
uggioso (ter.) = lùvego
luogo foltamente ombreggiato da alberi e macchie; sito scuro, che ha poca luce

vallata (ter.) = valàdda, valâ
valle (ter.) = vàlle
valletta (ter.) = canâ, fosòu
vegetazione (ter.) = vegetaçión
vento (ter.) = vénto
villano (ter.) = vilàn
uomo della villa, lavoratore di terra; contadino, campagnolo, villico; zotico, incivile; prov. Atto de man, træto de vilàn (Gioco di mano, gioco da villano; utilizzare maniere forti, essere maleducato)

viuzza (ter.) = crêuza
traversa: quella strada fuori di città, che traversando dalla strada principale mena per le ville; strada tra muri che delimitano poderi


 Manca qualcosa? Scrivimi!

< Torna alla Ricerca Torna Su ^

HOMEPAGE     CULTURA e TRADIZIONI     GUESTBOOK

Tutti i diritti riservati - PAOLINO 2019-2021